Füchslhof - In der Landschaft

Primavera

IL RISVEGLIO DELLA NATURA

„I ruscelli e i torrenti si disvolgono sotto il soave, vitale sguardo della primavera. La valle ride del colore della speranza; e il vecchio e debole inverno si va ritraendo sull’ispide cime dei monti. Di lassù ci manda ancora, nella sua fuga, qualche spruzzaglia di gelo sui teneri germogli dei prati. Ma il sole non comporta più alcuno squallore, e tutto vuoi avvivare e abbellire: da per tutto la terra si apparecchia ad aprire il fecondo suo seno.“

Queste righe vergate da Johann Wolfgang von Goethe descrivono alla perfezione l’atmosfera che regna qui a Marlengo in primavera. Nel periodo in cui la natura si risveglia dal torpore invernale, l’Alto Adige offre mille possibilità per godersi le giornate sempre più lunghe, dalle attività all’aria aperta a quelle culturali!

Füchslhof - In der Landschaft

Marlengo

in primavera

Zwei Weingläser vor Weinfässern

Vino e Culinaria

L’evento Vino e Culinaria di Marlengo, che si svolge per due settimane a fine maggio, porta il nettare di Bacco al centro della scena: presentazioni, degustazioni e menu speciali vi permetteranno di esplorare il tema a 360 gradi.
Spaghetti im Restaurant

Taller & Tuba

Restando in tema di gusto, quattro volte all’anno i ristoranti di Marlengo vi invitano a Taller & Tuba, un evento a base di musica e gastronomia che si tiene in Piazza Chiesa. Vi aspettano piatti tipici, vini eccellenti e un contorno di musica tradizionale. Chi preferisce invece gustarsi il pasto comodamente seduto al ristorante non dovrà andare lontano: al ristorante Oberwirt si può gustare di tutto, dalla colazione gourmet a un menu à la carte ricco di prelibatezze.

Füchslhof - In der Landschaft

La primavera al maso

Füchslhof

Con l’arrivo della primavera, le tane delle volpi si riempiono di nuovi “ospiti”, mentre qui al maso il lavoro si fa più intenso. Nei meleti si pianta, le api instancabili raccolgono il polline e le notti ancora gelide danno vita a uno spettacolo romantico a vedersi, ma con uno scopo del tutto pratico. Infatti, se la temperatura scende sotto lo zero, dobbiamo accendere l’irrigatore antigelo per proteggere i fiori di melo. Durante il giorno, le filigrane di ghiaccio che inglobano i fiori scintillano sotto il sole creando un bellissimo spettacolo.
A marzo le viti si svegliano dal torpore invernale, ed è il momento della piegatura e legatura. In questo periodo ci dedichiamo anche a imbottigliare la nuova annata, mentre la coltivazione del terreno nel vigneto deve aspettare fino ad aprile. Le viti inizieranno a spuntare a maggio, e a quel punto la loro crescita sarà talmente rapida da poterla quasi notare a occhio nudo.